Single Blog Title

This is a single blog caption

FRATERNALI SEGNA, NELLA RIPRESA LA VIGOR SENIGALLIA RIMONTA: 2-1

VIGOR SENIGALLIA – URBANIA 2-1 (21′ FRATERNALI, 47′ D’ERRICO, 64′ LAZZARI)

VIGOR SENIGALLIA (4312): Tavoni; Savelli, Magi Galluzzi, Vitali, Rotondo; Nacciariti (72′ Siena), Morganti, Sassaroli (85′ Guerra); D’Errico (78′ Cinotti); Pesaresi, Piergallini (54’Lazzari). (a disposizione Roberto, Orlietti, Guadagni, Giobellina, Orciani). All. Clementi

URBANIA (4312): Stafoggia; Rossi Ma. (78′ Rossi An.), Renghi, Temellini, Labate; Bicchiarelli, Giovannelli (74′ Patrignani), Bozzi; Lucciarini (85′ Sebastianelli); Cantucci (65′ Rossi Al.), Fraternali. (a disposizione Pagliardini, Sacchi, Calabresi, Catani, Corsini). All. Pazzaglia

ARBITRO: Samira Curia di Ascoli Piceno ASSISTENTI: Giretti di Macerata e Gasparri di Pesaro

Con due gol nella ripresa, la Vigor Senigallia rimonta l’Urbania, passata in vantaggio nel primo tempo con il 9°gol stagionale di Fraternali. La squadra di Pazzaglia, nonostante il ko, esce a testa alta dalla sfida del Bianchelli ma soprattutto, recrimina per un clamoroso calcio di rigore non assegnato in pieno recupero per l’atterramento di Patrignani.

CRONACA. 4312 per entrambi i tecnici, con Clementi che abbandona così il 352 visto nelle prime due uscite, mentre Pazzaglia conferma in blocco l’undici che ha battuto il Grottammare. Neanche il tempo di sedersi sulle tribune che Fraternali (1′) riceve un cross di Matteo Rossi e chiama Tavoni alla parata in 2 tempi; doppia risposta Vigor, con il rientrante Pesaresi che prima calcia una punizione di poco a lato (4′) poi va in rete (9′) su assist di Rotondo ma lo fa in posizione di off side. Ancora Fraternali, al 10′, il suo tentativo lambisce il palo alla destra dell’estremo vigorino. Vantaggio Urbania al 21′: da centro area Lucciarini va al tiro, Tavoni e la difesa di casa respingono, Fraternali si avventa sul pallone e fa 0-1. Lo svantaggio scuote la Vigor Senigallia che nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo serra le fila e crea pericoli alla porta di Stafoggia: 34′, angolo di D’Errico, Magi Galluzzi mette sul fondo da due passi, 40′ miracolo del portiere ospite a tu per tu con D’Errico, ben servito da Pesaresi. Stafoggia bravo anche al 42′ quando devia un insidioso rasoterra di Sassaroli. Nel miglior momento della Vigor, l’Urbania sfiora il doppio vantaggio (44′): ripartenza Cantucci – Fraternali – Lucciarini, conclusione di quest’ultimo murata all’ultimo istante.
Ad inizio ripresa (47′), la Vigor Senigallia ristabilisce la parità con un gran tiro dal limite di D’Errico che non dà scampo al numero 1 ospite. Clementi inserisce Lazzari ed è proprio l’ex (tra le altre) di Atalanta, Fiorentina e Udinese che sigla il gol partita al 64′ quando riprende da distanza ravvicinata una respinta di Stafoggia che si era opposto alla testata di Pesaresi. Arriva così il 2-1 dopo che l’Urbania, qualche minuto prima, aveva sfiorato il nuovo vantaggio con una schema da calcio di punizione (Luccarini per Bozzi, Bozzi per Giovannelli, colpo di testa out). Nell’ultima parte di gara, la squadra di Pazzaglia tenta l’assalto alla porta di Tavoni, assalti che culminano al minuto 91 quando la signora Curia di Ascoli non concede incredibilmente un calcio di rigore per il fallo subito in area di rigore da Patrignani. Una decisione che lascia tanto amaro in bocca. Finisce così 2-1 per la Vigor Senigallia.